di Romina Balducci
Secondo uno studio pubblicato sul Jurnal of sleep Research, la pandemia causa grosse difficoltà a riposare. C’è chi si addormenta e si sveglia più tardi, chi stenta a prendere sonno e chi si sveglia spesso durante la notte.
Lo studio, condotto attraverso un sondaggio distribuito a 5525 canadesi dal 3 aprile al 24 giugno 2020, svela che metà degli intervistati accusa problemi legati al sonno.
La qualità e la quantità del sonno è cambiata, affermano i ricercatori, e di pari passo mutano le risposte psicologiche al problema, con l’aumento di ansia, stress e depressione. Più colpite le donne, i lavoratori dipendenti e le persone con malattie croniche.
Per arginare il problema, gli esperti raccomandano di svegliarsi e coricarsi sempre alla stessa ora, evitare il consumo di caffè e alcolici e fare esercizio fisico, soprattutto nelle ore mattutine.
Leggi l’articolo in integrale: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/jsr.13231
Categoria: Scienza&Salute

commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *